Dove è Affondato il Titanic? La mappa e tutte le informazioni!

il punto dove è affondato il Titanic

Nonostante sia affondato oltre 100 anni fa, il Titanic continua ad affascinare ancora oggi.

Era una nave incredibilmente moderna per quel periodo e la sua tragedia ha avuto un eco mediatico in tutto il mondo.

Come alcuni di voi sapranno, la nave è affondata nel 1912 durante il suo viaggio inaugurale, e ha causato la morte di oltre 1.500 persone.

Ma sapete dov’è affondato il Titanic con precisione? In questo articolo vi spiegherò, anche con delle mappe, qual è il punto esatto dello scontro con l’iceberg e qual è il punto esatto in cui è affondato.

Ecco dove è naufragato il Titanic

Nella mappa qui sotto potete vedere il punto esatto dove il Titanic è naufragato e affondato.

Mappa della rotta del Titanic e del punto in cui è affonadato
Mappa della rotta del Titanic e del punto in cui è affonadato

Come potete vedere si trovava nell’Oceano Atlantico e aveva effettuato più della metà del viaggio.

Come viene indicato sulla mappa, ad un certo punto il Titanic urta un Iceberg, staccatosi probabilmente dalla Groenlandia.

Una volta avvenuto l’impatto, il capitano della nave ordinò di spegnere i motori per verificare i danni.

Secondo la ricostruzione poi il Titanic avrebbe ripreso a muoversi a velocità ridotta. Ha continuato a navigare per circa 17 chilometri fino a fermarsi completamente quando ha iniziato ad imbarcare troppa acqua.

Nell’immagine che ricostruisce la rotta (qui sopra) potete vedere il luogo dell’impatto e, a poca distanza, il luogo in cui la nave è successivamente affondata.

Com’era l’acqua quando il Titanic è affondato?

Alcuni di voi lo avranno visto nel film, ma anche dalle ricostruzioni storiche risulta che molte persone si lanciarono in mare pur di salvarsi.

Ma com’era l’acqua quella notte? Tenete presente che il Titanic affondò nel mese di Aprile, ma le temperature non sono come quelle italiane.

La nave si trovava nell’Oceano Atlantico settentrionale e l’acqua era piuttosto fredda. Stiamo parlando di una temperatura che andava da 0°C fino a -2°C.

In più, secondo i sopravvissuti, quella notte c’era una nebbia molto fitta che avrebbe reso difficile la visibilità.

Quando e a che ora si sono svolti i fatti?

Il Titanic è affondato il 15 Aprile 1912.

In realtà la collisione con l’iceberg è avvenuta di notte, precisamente alle 23:40 del 14 Aprile 1912. Mentre la nave è affondata completamente nelle prime ore del giorno successivo.

Dallo scontro con l’iceberg fino all’affondamento sono passate 2 ore e 40 minuti.

In quel punto il Titanic aveva fatto più di metà del percorso. Si trovava a 1.450 miglia nautiche dalla partenza mentre la rotta totale ne prevedeva 2.224.

Dove si trova oggi il relitto?

Iscriviti gratis a Noi Crocieristi cliccando qui. Riceverai i nostri migliori consigli e le offerte esclusive sulle prossime partenze!

Come tutti sappiamo, dopo l’impatto il Titanic ha imbarcato acqua ed ha iniziato ad affondare.

Prima di inabissarsi completamente si è spezzato in due parti. La sua lunghezza totale era di ben 269 metri, come avevamo già visto in questo articolo in cui abbiamo messo a confronto il Titanic con le navi da crociera moderne.

Ma dove si trova oggi il suo relitto? Si trova in una zona che si chiama Dorsale Medio Atlantica, una sorta di catena montuosa sottomarina a 600 chilometri a sud-sud-èst al largo della costa di Terranova, in Canada.

La posizione esatta del Titanic è alle coordinate 41.726931° N, 49.948253° W.

A che profondità si trova il Titanic?

Grafico della profondità a cui si trova il Titanic
Grafico della profondità a cui si trova il Titanic

Secondo le ultime rilevazioni, il relitto del Titanic si trova ad una profondità di 3,81 chilometri sotto la superficie del mare.

Si trova quindi alla profondità media dell’Oceano Atlantico che è calcolata proprio in 3,80 chilometri. Anche se in alcuni punti può arrivare ad essere profondo più di 8 chilometri.

Ciononostante, la profondità, le correnti marine e l’imprevedibilità dei fondali oceanici rendono difficile ogni l’esplorazione del relitto.

Condividi l'articolo! Potrebbe essere utile ad un altro crocierista!

Lascia un commento